La Corte di Cassazione ha ritenuto il comportamento violento del marito idoneo a determinare una crisi coniugale irreversibile e insanabile che legittima la moglie ad abbandonare il tetto coniugale e comporta l’addebito della separazione a carico dello stesso marito. (Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 1, ordinanza 5 maggio – 11 settembre 2017, n. 21086) allegato_27463_1